Sembrava ieri quando a settembre il leitmotiv della lamentela da ufficio era “ma quanto manca a Natale? Quest’anno poi non passerà più, non ci sono neanche ponti!”.

Beh, eccoci qui. Manca poco più di una settimana a Natale e, visto che già ci stressiamo abbastanza per regali, cene e aperitivi di auguri, vediamo di evitare ulteriore stress sul lavoro. Come?

Prima di andare in ferie è importantissimo chiudere bene il proprio lavoro e fare un piano di battaglia per il rientro, onde evitare di entrare in depressione il 7 di gennaio (che già sarà difficile accettare di aver preso 5 kg in 10 giorni!).

1) Scrivere su un post-it tutte le password. Sembra una stupidata, ma è un passaggio chiave. La metà delle persone non ricorda la propria password di accesso al rientro delle vacanze. Credo che il cervello tenda a resettare tutte quelle informazioni ritenute meno importanti, ed evidentemente la password è una di queste.

2) Rispondere a tutte le email lasciate “pending”. Ritagliatevi mezz’ora per gestire le email che non avete ancora letto, questo eviterà l’infarto quanto aprirete la casella il primo giorno di lavoro (o almeno dovrebbe…).

3) Preparare un TO DO dettagliato da utilizzare come promemoria. Inserite tutti i progetti che state gestendo con la data di inizio, una deadline da rispettare e uno stato avanzamento lavori, in modo che, al rientro, saprete benissimo a che punto siete con i singoli progetti da gestire.

4) Pulire la casella di posta elettronica: cancellate tutte le mail che non vi servono e archiviate quelle vecchie.

5) Preparate una ecard di auguri di Natale da mandare ai vostri contatti. E’ un gesto che vi porta via poco tempo, ma che è sempre molto gradito. Le relazioni sono importanti!

6) Riordinare la scrivania. Come diceva Einstein “se una scrivania in disordine è segno di una mente disordinata, di cosa sarà segno allora una scrivania vuota?”. Visto che la vostra mente non è vuota, immagino che non lo sia nemmeno la vostra scrivania… la mia non lo è di certo. Anzi è un casino infernale. Ricordatevi di fare ordine, buttare le cose che non servono più e, soprattutto, svuotare i cassetti, onde evitare di trovare merendine mummificate dopo le feste.

7) A proposito di scrivania… dare un senso logico al nostro Desktop. Visto che siamo in vena di pulizie, perché non includere anche il nostro pc? Spesso, presi dalla fretta, buttiamo tutto sul desktop senza un ordine logico. Per evitare di arrabbiarci al rientro, quando non troviamo quel file su cui stavamo lavorando, archiviamo tutto in modo ordinato e facilmente navigabile.

8) Procurarsi una nuova agenda 2014. Lo so che siamo nel 2014 e siamo muniti di iPhone, iPad e tablet vari che hanno agende digitali fighissime… ma c’è chi, come me, non riesce a rinunciare alla praticità e versatilità di un’agenda cartacea. Compriamola per tempo e iniziamo a compilarla con gli eventi principali, tipo compleanni, matrimoni vari, ecc… almeno cerchiamo di evitare gaffe.

9) Ritagliarsi una mezz’ora per fare un brindisi con i colleghi e scambiarsi gli auguri di Natale. Sono i vostri compagni di avventura, sia che vi stiano simpatici o antipatici, è giusto salutarli dedicandogli qualche minuto.

10) Mettere l’Out of Office. Oooh, finalmente!

Mettere l’out of office significa che sono davvero arrivate le feste. Formalmente sarebbe consigliata una frase del tipo: “Buongiorno, sono fuori ufficio per le festività natalizie. Sarò assente fino al 7 gennaio, per eventuali richieste urgenti può contattare pinco pallino…”. In realtà tutti sappiamo che il significato tra le righe è: “Sono in vacanzaaaaaaa! In questo momento mi sto gustando una cioccolata calda davanti al camino, per cui l’ultima cosa che mi interessa è la tua insignificante mail di lavoro….” 😛

Buone feste a tutti!

 

  • brindisi con i colleghi
  • feste in ufficio
  • natale in ufficio
  • Out of Office